Sanzioni

SANZIONI

Il D.lgs. 81/08 Testo Unico sulla Sicurezza sul lavoro prevede una serie di sanzioni nel caso in cui il datore di lavoro non rispetti le indicazioni fornite dalla normativa stessa sulla medicina del lavoro, sulla formazione dei lavoratori e sulla salvaguardia della sicurezza sul lavoro.

Sanzioni riguardanti la medicina del lavoro

Nomina del medico competente

Art.18, comma 1 a) Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.500 a 6.000 euro

Obbligo di inviare i lavoratori alla visita medica

Art.18, comma 1 g) Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Ammenda da 2.000 a 4.000 euro

Obbligo di informare il Medico Competente delle cessazioni dei rapporti di lavoro.

Art. 18, comma 1 g)-bis Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 1.800 euro

Obbligo di vigilare affinché i lavoratori con obbligo di sorveglianza sanitaria non siano assegnati alla mansione specifica senza aver ricevuti il certificato di idoneità del Medico Competente.

Art. 18, comma 1 bb) Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Sanzione amministrativa pecuniaria da 1.000 a 4.500 euro

Obbligo di sottoporre i lavoratori che si occupano di movimentazione manuale dei carichi alla sorveglianza sanitaria.

Art.168, comma 2 d) Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da 2.500 a 6.400 euro

Obbligo di provvedere affinché i luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi di sicurezza siano conformi alla legge.

Art. 64, comma 1 Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.000 a 4.800 euro

Sanzioni riguardanti la formazione dei lavoratori

Obbligo di formazione per il datore di lavoro che si assume il ruolo di RSPP

Art. 34, comma 2 Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da 2.500 a 6.400 euro

Obbligo di informare i lavoratori sui rischi per la salute e sicurezza sul lavoro relativi all’attività svolta dall’azienda, sui nominativi degli addetti alle emergenze, sui nominativi dell’RSPP e del Medico Competente.

Art. 36, comma 1 Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.200 a 5.200 euro

Obbligo di informare ciascun lavoratore sui rischi specifici relativi all’attività che svolge, sui pericoli connessi all’uso delle sostanze chimiche, sulle misure di prevenzione e protezione adottate.

Art. 36, comma 2 Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.200 a 5.200 euro

Obbligo di formare in maniera adeguata ogni lavoratore in materia di sicurezza e salute.

Art. 37, comma 1 Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.200 a 5.200 euro

Obbligo di lavoro di fornire una formazione adeguata e specifica ai dirigenti e ai preposti aziendali.

Art. 37, comma 7 Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.200 a 5.200 euro

Obbligo per il datore di lavoro di formare in maniera adeguata e specifica gli addetti alla prevenzione antincendio e al primo soccorso.

Art. 37, comma 9 Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.200 a 5.200 euro

Obbligo per il datore di lavoro di formare in maniera adeguata e specifica l’RLS.

Art. 37, comma 10 Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.200 a 5.200 euro

Sanzioni riguardanti la sicurezza sul lavoro

Valutare tutti i rischi presenti in azienda ed elaborare il DVR.

Art. 17 comma 1 a) Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da 2.500 a 6.400 euro

Nominare un RSPP

Art. 17 comma 1 b) Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da 2.500 a 6.400 euro

Rielaborare il DVR in caso di modifiche, significative dal punto di vista della sicurezza, del processo produttivo e dell’organizzazione del lavoro.

Art. 18, comma 1 z) Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.500 a 6.000 euro

Indire almeno una volta l’anno la Riunione Periodica Annuale, per aziende con più di 15 lavoratori

Art. 18, comma 1, v) e art. 35 comma 1, Dlgs 81/08 e s. m. e i.

Ammenda da 2.000 a 4.000 euro

Effettuare la valutazione dei rischi in collaborazione con l’RSPP e con il Medico Competente.

Art. 29 comma 1 Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da 2.500 a 6.400euro

Consultare l’RLS prima di effettuare la valutazione dei rischi e stendere il DVR.

Art. 29 comma 2 Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Ammenda da 2.000 a 4.000 euro

In caso di appalto di lavori all’interno della propria azienda, controllare l’azienda appaltatrice acquisendone la documentazione necessaria.

Art. 26, comma 1 a) Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.000 a 4.800 euro

In caso di appalto di lavori all’interno della propria azienda fornire all’appaltatore le informazioni necessarie sui rischi esistenti.

Art. 26, comma 1 b) Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 750 a 4.000 euro

Obbligo dei datori di lavoro committenti e appaltatori (o subappaltatori) di cooperare e coordinare gli interventi di prevenzione e protezione in relazione ai rischi presenti nella azienda in cui si effettuano i lavori in appalto.

Art. 26, comma 2 a) e b) Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.500 a 6.000 euro

Redazione da parte del committente, in caso di appalto, del Documento Unico per la Valutazione dei Rischi da Interferenze(DUVRI), da allegare al contratto di appalto.

Art. 26, comma 3 Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1.500 a 6.000
euro

Redazione da parte del datore di lavoro di un’impresa affidataria o di un’impresa esecutrice del Piano Operativo di Sicurezza (POS), in riferimento al singolo cantiere temporaneo o mobile.

Art. 96 comma 1 g) Dlgs 81/08 e s.m. e i.

Arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da 2.500 a 6.400 euro; in caso di rischi particolari arresto da 4 a 8 mesi o ammenda da 2.000 a 8.000 euro;